Come acquistare un diamante

L’acquisto di un diamante di qualità inizia con 3C, non 4. Sorprendente? Taglio, chiarezza e colore determinano tutti la qualità del diamante, ma il carato no. Dopo tutto, le dimensioni non influiscono sulla qualità. Impara come acquistare uno splendido diamante basato su 3C, fluorescenza e forma.

Cosa influenza la qualità del diamante?

La bellezza di un diamante proviene sia dalla natura che dalla cultura. La natura crea diamanti grezzi di diversi colori e con diverse inclusioni. L’uomo taglia il grezzo e sceglie a  quale delle 4C (Taglio, colore, chiarezza e peso in carati) dare la priorità. La domanda che spesso ci si pone  è se Il tagliatore, per ottenere una pietra ad alta trasparenza, deve eliminare la maggior parte delle inclusioni riducendone quindi le dimensioni oppure  deve cercare di mantenere il diamante più grande possibile?

Evidente quindi che la qualità di un diamante dipende sia dalla materia prima che da ciò che tagliatori e lucidatori scelgono di fare con il diamante.  Delle 4C, solo il taglio, il colore e la purezza determinano la qualità del diamante. Il peso, ovvero i Carati, no. Un diamante minuscolo può essere bello e ben realizzato come un diamante molto più grande. Ed infine delle 4C, solo il taglio è completamente sotto il controllo dell’uomo.

Cos’è la qualità della forma del diamante?

È facile valutare la qualità della forma dei diamanti taglio brillante. I diamanti taglio brillante dovrebbero essere … beh, rotondi! La maggior parte dei diamanti taglio brillante, specialmente quelli con gradi di taglio eccellente o molto buono, sono molto rotondi, o almeno così rotondi che non è possibile rilevare alcuna variazione a occhio nudo.

Per i diamanti taglio fantasia le cose si fanno più complesse. Non ricevono gradi di taglio da GIA, perché esiste una così ampia varietà di forme e stili di taglio, ciascuno con i propri rapporti lunghezza-larghezza e una serie di standard. Anche le preferenze personali giocano un ruolo importante. 

Ecco 4 cose a cui prestare attenzione nelle forme fantasiose:

  1. Rapporto lunghezza – larghezza: il rapporto L-W è il rapporto tra la lunghezza e la larghezza di una forma in fantasia, con la larghezza espressa come numero uno. La maggior parte delle persone trova alcuni rapporti più attraenti di altri. Ad esempio, i tagli di smeraldo, i tagli a cuscino rettangolari e le pere sono più popolari nei rapporti L / W compresi tra “1,50 / 1 “e “1,75 / 1“.

I rapporti L / W sono importanti anche perché le gemme troppo lunghe e strette tendono a rompersi.




Secondo la ricerca GIA, 2.0 è la proporzione media ideale per i diamanti marquise

2. Simmetria della linea: per i cuori e le pere, il contorno del diamante dovrebbe essere lo stesso su entrambi i lati quando tracci una linea al centro. Per ovali, quadrati, tagli rettangolari e marchesi, il contorno del diamante deve essere lo stesso su ogni lato verticalmente e orizzontalmente. La simmetria rende un diamante nitido e pulito e contribuisce a massimizzare la brillantezza di un diamante. Il rapporto di classificazione GIA di un diamante con taglio fantasia non contiene un grado di taglio, ma indica la simmetria e la lucidatura della pietra.

3. Curve morbide: le forme curve come cuori, pere e ovali devono avere “lobi” o “spalle” pieni e arrotondati. Le curve dovrebbero fluire uniformemente e non avere punti piatti dall’aspetto duro.

4. Forma definita: dovrebbe essere ovvio qual è la forma di un diamante. Un cuore, ad esempio, dovrebbe avere una fessura definita e un punto opposto a punta. L’attrattiva della forma di un diamante a volte può dipendere dal rapporto. Un ovale con un rapporto lunghezza-larghezza troppo basso potrebbe sembrare un giro irregolare.




Da sinistra un diamante taglio cuore con una forma ben definita ed eccellente simmetria, per poi cominciare a perdere simmetria, modificando poi la forma del cuore fino ad arrivare a non avere alcuna forma ben definita verso destra.

Cos’è la qualità del taglio al diamante?

La qualità del taglio si riferisce al modo in cui le proporzioni, il design e la finitura di un diamante lavorano insieme per creare un bellissimo diamante. La proporzione ha a che fare con gli angoli e la dimensione relativa delle sfaccettature di un diamante. Il design si riferisce al rapporto in peso di un diamante (un diamante può avere un peso eccessivo o insufficiente per il suo diametro) e alla durata (il rischio di danni a causa di aree sottili vulnerabili). La finitura consiste in due fattori: la lucidatura (la qualità e la pulizia delle superfici delle sfaccettature) e la simmetria (la disposizione e il posizionamento delle sfaccettature). Combinati, questi fattori riflettono la qualità della lavorazione necessaria per tagliare un diamante. La qualità del taglio è importante perché influenza il modo in cui un diamante interagisce con la luce, determinando quindi la luminosità, il fuoco e lo scintillio di un diamante.

Cosa sono la luminosità, il fuoco e lo scintillio e perché sono importanti?
In breve, la luminosità è la luce bianca che un diamante riflette dalle sue sfaccettature agli occhi dello spettatore. Il fuoco è lo spettro colorato che uno spettatore vede quando un diamante scompone la luce bianca. Infine lo scintillio è il motivo delle aree chiare e scure che gli spettatori vedono quando il diamante si muove.
Questi sono i tre fattori che aiutano un diamante a mostrare uno spettacolo di luci grandioso.

I diamanti taglio brillante possono ricevere gradi di taglio da GIA, mentre i diamanti taglio fantasia no.

Indipendentemente dal fatto che il tuo diamante abbia un grado di taglio o meno, ecco come controllare il tuo diamante per i fattori di qualità del taglio:

  1. Controlla la luminosità e lo scintillio del tuo diamante sotto la luce diffusa (bianca). Il tuo diamante riflette molta luce bianca (luminosità)? Lampeggia molto quando lo giri da un lato all’altro (scintillazione)? Le aree chiare e scure sono distribuite uniformemente (motivo)? Se la risposta è sì, significa che il tuo diamante è stato tagliato bene.
  2. Controlla il fuoco del tuo diamante sotto una luce a incandescenza. Il tuo diamante lampeggia con molto fuoco? Vuoi un diamante con più fuoco possibile in tutti i colori dell’arcobaleno.
  3. Guarda il tuo diamante sotto un’illuminazione diversa.  Ha un bell’aspetto in un ristorante, all’aperto, nel tuo ufficio? Se il tuo diamante ha un bell’aspetto sotto diverse fonti di luce, è probabile che tu abbia un diamante di qualità!

Cos’è la qualità del colore del diamante?

Ad eccezione dei rarissimi diamanti fantasia di colore “differenti dal bianco”, quelli che la maggior parte delle persone chiama diamanti “bianchi” sono in realtà diamanti incolori. E la maggior parte dei diamanti incolori non sono in realtà incolori ma hanno sfumature di giallo, grigio o marrone. Ecco perché GIA ha creato una scala di classificazione dei colori da D a Z , per dire alle persone quanto (o quanto poco) colore contiene un diamante.

Diamanti lungo la scala di color da D a Z ovvero totalmente incolore (D) a fortemente tinto di giallo (Z).

Generalmente la preferenza cade sui diamanti che hanno il minor colore possibile. Solo i diamanti di colore D sono completamente incolori. Anche se, a meno che non vengano affiancati ad un diamante di grado di colore molto più alto, non si può dire che i diamanti fino alla gamma G abbiano un colore. Oltre al grado di colore, ecco altri due fattori che influenzano il colore di un diamante:

  1. Taglio: i tagli brillanti, specialmente i brillanti rotondi, non mostrano molto colore, in parte perché hanno molte sfaccettature. Tutta la luce bianca che sono in grado di riflettere all’interno della pietra e poi di nuovo fuori agli occhi degli spettatori li fa apparire più luminosi. I tagli a gradini, come i tagli smeraldo e quelli Asher, sono meno brillanti, perché hanno meno sfaccettature e più grandi. I tagli dei gradini sono apprezzati più per il loro effetto elegante e scintillante a specchio che per la loro brillantezza. Pere, cuori e marquise possono apparire più scuri intorno alle punte, perché le punte concentrano maggiormente il colore. Considera l’idea di scegliere una qualità di colore più alta se stai acquistando un diamante con taglio a gradino o un diamante con una o due punte.
  2. Scelta: se desideri un anello in oro giallo o rosa, risparmia acquistando una pietra di colore I o inferiore. La scelta di un diamante di colore DF in una montatura in oro giallo o rosa renderà il diamante più caldo di quanto non sia in realtà. Se stai acquistando un anello in oro bianco o platino, prendi in considerazione l’idea di acquistare una pietra che è HG o superiore. La scelta di una pietra di grado di colore I o inferiore in oro bianco o platino può far sembrare la pietra più calda, perché il metallo contrasterà ed enfatizzerà il colore della pietra. La scelta di una pietra calda in una montatura in oro giallo o rosa, d’altra parte, può aiutare a mascherare il colore della pietra.

Cos’è la qualità della purezza del diamante?

La maggior parte dei diamanti ha al suo interno delle inclusioni risalenti al loro processo di formazione (cristalli intrappolati, irregolarità strutturali, ecc.) che possono essere visibili con un ingrandimento 10X. Queste inclusioni o caratteristiche di purezza possono aiutare ad identificare un diamante come naturale e dire agli scienziati molto sulla Terra. Ma la maggior parte dei consumatori desidera che i propri diamanti siano il più puri possibile. Ecco perché GIA ha ideato la scala di classificazione della purezza del diamante , che va da Flawless e Internally Flawless fino a Incluso. Ma anche i diamanti Flawless potrebbero non essere completamente impeccabili. Impeccabile significa semplicemente che non sono visibili inclusioni e imperfezioni con un ingrandimento 10x. La maggior parte dei diamanti, fino a VS2 o addirittura SI1, non hanno inclusioni facilmente visibili a occhio nudo. Le inclusioni all’interno di un diamante di purezza SI2 o I (Incluso), d’altra parte, saranno più facilmente visibili a occhio nudo.  Ma in generale, i consumatori attenti al budget possono risparmiare denaro acquistando un diamante comparabile nella gamma VS o SI; probabilmente apparirà simile a occhio nudo a un diamante con un grado di purezza più elevato. Tuttavia, se tu o il destinatario del diamante siete un perfezionista, potresti prendere in considerazione i gradi di purezza VVS2 e superiori, ma sappi che dovrai anche pagare di più.

Nell’immagine un diamante incluso dove le inclusioni più evidenti sono le piume (fratture) sui lati della pietra.

Ecco cosa cercare in un diamante con una buona purezza:

  1. Nessuna inclusione visibile ad occhio nudo: Se non riesci a vedere alcuna inclusione o vedi solo alcune inclusioni difficili da individuare senza ingrandimento, è probabile che la purezza sia abbastanza alta per i tuoi scopi di gioielleria.
  2. Posizione, dimensione e rilievo delle inclusioni visibili: Le inclusioni che sono lontane dal centro del diamante sono meno visibili. Sono ancora meno visibili se sono nascoste vicino al bordo, alle punte o agli angoli dei diamanti taglio brillante (tondi, marquise, pera, principessa, ecc.). L’elevato numero di sfaccettature sulle punte e sugli angoli delle pietre tagliate a brillante generalmente distrarrà dalle inclusioni minori. Le inclusioni vicino ai bordi potrebbero persino finire per essere coperte dall’incastonatura dei gioielli. Ovviamente, inclusioni più piccole e di colore più chiaro sono anche più difficili da vedere e hanno un minore impatto sull’aspetto del diamante.
  3. Stile di taglio: Le inclusioni sono tipicamente più difficili da vedere nei diamanti taglio brillante perché hanno un maggior numero di sfaccettature. Più sfaccettature significano più luce che rimbalza, creando un motivo complesso che nasconde piccole inclusioni. Le inclusioni sono molto più evidenti nei diamanti tagliati a gradini perché hanno meno sfaccettature ma più grandi e il modello risultante non è così complesso. Considera l’idea di scegliere un taglio brillante se vuoi ridurre la purezza.
  4. Durevolezza: Questa è una considerazione fondamentale quando si tratta di diamanti con gradi di purezza inferiori. I diamanti nella gamma di purezza I, in particolare I2 o I3, a volte possono avere problemi di durata. Assicurati che il tuo diamante non abbia grosse scheggiature o fratture (piume) sulla cintura o sulle punte, perché potrebbero rendere la pietra più vulnerabile alla rottura. Qualsiasi piuma che ha un diamante dovrebbe preferibilmente essere contenuta all’interno della pietra e non raggiungere la superficie.

Cos’è la fluorescenza del diamante?

La fluorescenza è la luce visibile (o bagliore) che alcuni diamanti emettono quando sono esposti alla luce UV (ultravioletta). Circa un terzo di tutti i diamanti ha una fluorescenza visibile. Questi diamanti a volte costano leggermente meno, il che li rende sotto certi aspetti anche più appetibili agli acquirenti nell’ottica di un risparmio. 

Alcuni fattori da considerare per i diamanti fluorescenti includono:

  1. Grado di colore del diamante. Una forte fluorescenza può abbassare il valore delle pietre di colore superiore (DF). In rari casi, se la fluorescenza è estremamente forte, può far apparire una pietra lattiginosa o nebulosa. D’altra parte, la fluorescenza blu può aumentare il valore delle pietre di colore inferiore (I e sotto) perché può ridurre l’aspetto dei toni del giallo in un diamante.
  2. Colore della fluorescenza. Più del 95% dei diamanti fluorescenti emette una fluorescenza blu. Altri colori di fluorescenza includono giallo, rosso, verde e bianco. La fluorescenza blu può aiutare a mascherare i toni caldi in un diamante, ma la fluorescenza gialla o verde può rendere un diamante ancora più caldo o più intenso nel colore. I diamanti con fluorescenza gialla o verde in genere costano meno dei diamanti con fluorescenza blu.
  3. Forza della fluorescenza. Se un diamante ha una fluorescenza da debole a media, è probabile che non noterai che è fluorescente nella maggior parte degli ambienti di illuminazione. I diamanti che hanno una fluorescenza da forte a molto forte possono apparire lattiginosi sotto la luce solare, che contiene raggi UV. I rapporti di classificazione GIA rileveranno la forza della fluorescenza di un diamante. Il modo più infallibile per sapere come appare la fluorescenza in un diamante, tuttavia, è vedere quel diamante di persona in diverse situazioni di illuminazione.

Analizziamo alcuni miti comuni sulla fluorescenza e sui diamanti di colore D-to-Z:

  1. La maggior parte dei diamanti non emette fluorescenza
  2. I diamanti che emettono fluorescenza lo fanno solo quando sono esposti a raggi UV invisibili e altre fonti di radiazioni di energia più elevata come raggi X e raggi laser. Potresti vedere il tuo diamante fluorescente sotto un sole splendente, in un lettino abbronzante, in una discoteca o in altri luoghi dove vengono utilizzate forti luci fluorescenti o nere. Ma una volta rimossa la sorgente di luce, il diamante smetterà di essere fluorescente.
  3. La fluorescenza del diamante non può essere sempre rilevata. Hai bisogno di condizioni in cui sono presenti i raggi UV e l’intensità della fluorescenza è abbastanza forte da essere osservata.
  4. I diamanti possono avere una fluorescenza in una varietà di colori. Questi includono giallo aranciato, giallo, arancione, rosso, bianco e verde. Le variazioni nella struttura atomica, come il numero di atomi di azoto presenti, causano il fenomeno. Il blu, tuttavia, è di gran lunga il colore più comune della fluorescenza del diamante.
  5. La fluorescenza del diamante ha un effetto minimo o nullo sulla brillantezza di un diamante e la ricerca mostra che non influisce nemmeno sulla bellezza.
  6. La presenza o l’assenza di fluorescenza non deve essere utilizzata come test fai-da-te per determinare se il tuo diamante è reale e naturale.
  7. Si possono pagare prezzi più alti per i diamanti con fluorescenza blu di un grado di colore inferiore perché, la fluorescenza maschera il colore da giallo tenue a giallo molto chiaro in questi diamanti.

Un diamante trasforma la luce in incanto, l’amore in stupore. Ogni faccia sembra tagliata dalle mani di uno scultore invisibile, che lavora una materia di pietra, luce e mistero, quella luce che altro non è che l’anima rubata alla stelle.