GIA lancia il servizio “Diamond Origin”

RAPAPORT… Il Gemological Institute of America (GIA) ha iniziato ad accettare richieste per un nuovo servizio che fornisce ai consumatori la verifica dell’origine dei diamanti.

I principali produttori hanno inviato i primi diamanti lucidati al servizio di verifica del GIA all’inizio di luglio.

I diamanti classificati GIA con informazioni sull’origine confermate saranno disponibili per i consumatori quando le richieste iniziali verranno restituite e man mano che più produttori aderiranno al programma, ha spiegato l’organizzazione.

Una società di revisione indipendente esaminerà tutti i tagliatori prima che entrino nel programma.

I revisori confermeranno che l’azienda è in grado di tracciare un diamante dalla ricezione del grezzo attraverso l’intero processo di produzione. Il GIA valuterà regolarmente tutte le aziende partecipanti per assicurarsi che continuino ad aderire alle linee guida.

Inizialmente, il GIA accetterà solo diamanti naturali lucidati con documentazione di origine verificata, inclusi certificati Kimberley Process (KP) e fatture di produttori controllati. Aggiungerà al servizio diamanti coltivati ​​in laboratorio nel prossimo futuro. I consumatori possono accedere alle informazioni tramite il servizio online Report Check del GIA, ha aggiunto.

“Il nuovo servizio di GIA fornisce informazioni sulla fonte del diamante ai consumatori il più rapidamente possibile”, ha affermato il suo CEO, Susan Jacques. “Il GIA Source Verification Service è pronto a fornire informazioni verificate sulla fonte di diamanti per soddisfare la crescente domanda dei consumatori e l’interesse del governo per la trasparenza e la tracciabilità lungo la catena di approvvigionamento”.

Immagine: diamanti lucidati. (Shutterstock)

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti

  • 1 Settembre 2022

  • 29 Luglio 2022

  • 22 Giugno 2022