Le società no-profit esortano l’Europa a mettere fuori legge i diamanti russi

RAPAPORT… L’Unione Europea dovrebbe vietare i diamanti russi nel suo prossimo pacchetto di sanzioni, ha affermato questa settimana “Transparency International” organizzazione no profit tedesca in una lettera aperta ai funzionari.

“Nessun profitto dalle pietre preziose dovrebbe finanziare direttamente o indirettamente il governo russo e la sua aggressione contro stati sovrani, e nessun magnate russo dovrebbe essere in grado di godere di beni di lusso mentre innocenti civili ucraini sono attaccati dalle bombe russe”, ha scritto l’organizzazione.

A differenza degli Stati Uniti, l’UE non ha precluso l’importazione di diamanti russi, per i quali Anversa è uno dei mercati più importanti. Nel 2021, circa il 36% delle entrate di Alrosa proveniva dal Belgio, secondo i risultati annuali più recenti del minatore.

Transparency International, con sede a Berlino, lavora per eliminare la corruzione e promuovere la trasparenza.

Scrivendo al presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen e al primo ministro belga Alexander De Croo, così come ad altre figure politiche, il gruppo ha osservato che i diamanti grezzi russi non erano stati finora inclusi in nessuna sanzione dell’UE. Tali materiali aiutano a finanziare la guerra in Ucraina.

“Vietare l’importazione di diamanti, che è tra le prime 10 esportazioni non energetiche in termini di valore, può essere un ulteriore passo che limita l’accesso della Russia ai mercati globali e alle valute estere”, hanno affermato Michiel van Hulten, direttore di Transparency International EU, e Thomas Vermaerke, direttore esecutivo di Transparency International Belgio. “Vi esortiamo quindi a includere i diamanti nel prossimo pacchetto di sanzioni”

L’Anversa World Diamond Center (AWDC) ha ribadito la sua posizione di lunga data secondo cui le sanzioni non avrebbero risolto il problema.

“Sebbene comprendiamo la gravità della situazione, non dovrebbe essere l’ambizione di peggiorare le cose”, ha affermato Tom Neys, capo delle relazioni con i media presso l’AWDC. “Eliminare completamente l’UE creerà solo il mercato nero per l’eliminazione del quale abbiamo lavorato così duramente negli ultimi 16 anni. Sarai responsabile di una catastrofica perturbazione geopolitica che creerà un enorme svantaggio per l’UE in termini di risorse naturali”.

Le persone in altre zone di guerra in tutto il mondo subiranno le conseguenze di questa decisione, ha aggiunto Neys, osservando che “pagheremo tutti il ​​conto nei prossimi 20 anni per aver svenduto la nostra posizione commerciale internazionale in tutte le risorse naturali del mondo”.

Ha anche invitato le organizzazioni non governative a discutere un “accordo comune”.

Immagine: diamanti grezzi. (Alrosa)

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti

  • 1 Settembre 2022

  • 29 Luglio 2022

  • 22 Giugno 2022